Home Serie TV Breaking Bad, il film è stato già girato: parola di Saul Goodman

Breaking Bad, il film è stato già girato: parola di Saul Goodman

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:30

Bryan Cranston e Aaron Paul avevano seminato diversi indizi, che facevano pensare che stessero girando il famigerato e più volte annunciato film di Breaking Bad. A darne conferma è Bob Odenkirk.

breaking bad film sequel

La serie, ideata da Vince Gilligan, ha avuto un grandissimo successo e ha vinto numerosi riconoscimenti, mettendo d’accordo pubblico e critica. Il 7 novembre 2018 si è parlato per la prima volta di un film prodotto e scritto dallo stesso Vince Gilligan e incentrato soprattutto sul personaggio di Jesse Pinkman (Aaron Paul).

Il film di Breaking Bad c’è

La quinta e ultima stagione di Breaking Bad aveva spezzato il cuore dei tanti fan della serie: dire addio a Walter White e Jesse Pinkman (interpretati da Bryan Cranston e Aaron Paul) era davvero un duro colpo. La notizia del film tratto dalla serie aveva però rincuorato tutti ed erano stati gli stessi attori protagonisti a creare molte aspettative, pubblicando foto insieme e seminando indizi. Ad esempio, la foto coi muli (allusione ai corrieri della droga) con la scritta “soon”.

E quel “soon” pare si stia davvero avvicinando, stando a quanto dichiarato da Bob Oderkirk. L’attore, il Saul Goodman della serie e dello spinoff Better Call Saul, ha detto in un’intervista a The Hollywood reporter: “Non so che cosa la gente sappia o non sappia. Mi sembra incredibile che non siate al corrente del fatto che è già stato girato. Sono stati bravissimi a tenerlo nascosto”.

Ci si potrebbe aspettare un arrivo sugli schermi nel 2020, ma visto il massimo riserbo mantenuto fino ad ora è difficile dire se si tratterà di un prequel (la vita di Jesse prima di incontrare Walter) o di un sequel (la vita di Jesse dopo la fuga della stagione finale). E soprattutto: in che veste comparirà Cranston?

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Come drink with us!!!🥃 @napoleonhousenola

Un post condiviso da Aaron Paul (@aaronpaul) in data: