Chiara Ferragni body shaming, continuano le disavventure

Chiara Ferragni e il body shaming non hanno fine, infatti l’influencer è stata vittima di un attacco molto duro al suo aspetto fisico e non sono i piedi.

Chiara Ferragni body shaming

Sono state 48 ore intense per Chiara Ferragni che si è trovata nella situazione di correre ai ripari parlando di body shaming a seguito di alcune critiche che ha ricevuto la sorella Valentina.

Ma sembra che per l’influencer l’argomento non sia ancora chiuso perché lei stessa ne è stata vittima e tira le sue considerazioni con un post su Instagram.

Chiara Ferragni body shaming: quando le mamme insultano

Oltre che tra le donne più influenti al mondo, Chiara Ferragni sta battendo anche il primato per femminista indiscussa. Infatti l’influencer è scesa in campo per sostenere la sorella Valentina dopo che quest’ultima è stata aspramente criticata durante l’evento Dior dai suoi followers.

La Ferragni non si è limitata a difenderla, piuttosto ha lanciato una riflessione su Internet invitando all’ascolto. Nonostante questo, l’influencer è stata lei stessa vittima di body shaming, dapprima per i suoi piedi poi per il suo viso.

Infatti Chiara ha pubblicato un altro post in cui racconta una spiacevole vicenda accadutale ieri. Una donna di 40 anni ha invitato la figlia a ignorare la Ferragni, sottolineando quanto sia brutta senza trucco.

L’accaduto ha lasciato spiazzata l’influencer, non per il fatto di non essere ritenuta bella, quanto per l’atteggiamento della donna. Non riesce a comprendere come al giorno d’oggi le persone critichino il prossimo negativamente. Soprattutto come sia possibile che sia un tipo di comportamento presente anche tra le donne.

Per Chiara Ferragni è incredibile che una mamma insegni alla propria figlia che una persona è brutta senza make up e non insegnarle, invece, che ogni essere umano è bello nella sua interezza, per come è.

Invita le donne a sostenersi, perché solo così si potrà fare la differenza nel mondo. Di sostenere le persone intorno, anziché demolirle.

Gestione cookie