Home Senza categoria Morto Franco Zeffirelli, addio alla maestranza del teatro italiano

Morto Franco Zeffirelli, addio alla maestranza del teatro italiano

A 96 anni è morto Franco Zeffirelli, una delle maestranze della cultura e del teatro italiano. Vogliamo ricordarlo così.

Morto Franco Zeffirelli

Franco Zeffirelli uno dei registi più amati e apprezzati del panorama italiano, sceneggiatore e attore fine, si è spento nella sua casa a Roma.

Aveva 96 anni e ha dedicato la sua intera vita all’arte, alla cultura e al teatro diventando una delle più grande maestranze mai viste in Italia.

Morto Franco Zeffirelli

Uno degli ultimi grandi del Novento, Franco Zeffirelli è morto lasciando la cultura italiana più ricca dopo il suo passaggio.

Fiorentino di nascita, amava la sua Firenze tanto da voler costruire nel cuore della città la sua Fondazione, con la quale aveva l’obiettivo di donare alla città e al mondo intero la sua produzione artistica.

Dal cinema al teatro in tutto il mondo il talento di Zeffirelli è stato apprezzato e riconosciuto, innumerevoli sono i premi vinti. Il più recente è il riconoscimento da parte del Senato nella persona della presidente Elisabetta Alberti Casellati: un premio al Genio ed Eccellenza italiana nel mondo.

Vita privata

Franco Zeffirelli era nato a Firenze il 12 febbraio 1923 fuori dal matrimonio. Fu riconosciuto dal padre, Ottorino Corsi, solo al compimento dei 19 anni e a seguito della prematura scomparsa della madre, Alaide Garosi Cipriani.

Dichiaratamente omosessuale, guardava con diffidenza il movimento gay ritenendo l’omosessualità “Una virilità creativa” che ci giungeva dalla Grecia e da Roma.

Dopo alcune ricerche genealogiche di alcuni studiosi è emerso che potrebbe essere imparentato con Leonaro Da Vinci. Un legame che non stupirebbe di certo, visto il talento e la genialità che sempre hanno contraddistinto Franco Zeffirelli.

Grande tifoso della Fiorentina ha sempre difeso l’onore della sua squadra, andando spesso contro la Juventus.

Della sua vita privata non si conosce molto, salvo una relazione lunga e tormentata con il regista Luchino Visconti, con il quale ha intrapreso una convivenza negli anni Cinquanta.