Home Serie TV ROMULUS, di Matteo Rovere: La nuova serie di Sky Originals

ROMULUS, di Matteo Rovere: La nuova serie di Sky Originals

Matteo Rovere esordisce in televisione, per raccontare le origini di Roma in un modo mai visto prima. Ecco nascere ROMULUS, la nuova serie Sky Originals.

ROMULUS Matteo Rovere Sky
L’illustrazione di Riccardo Monti per ROMULUS

La nascita di Roma verrà narrata sotto una nuova luce grazie alla nuova serie Sky Originals chiamata ROMULUS e diretta da Matteo Rovere. Il regista de Il primo Re si trova questa volta a gestire un lavoro più ampio, suddiviso in 10 episodi. Le riprese si svolgeranno interamente nella capitale, a partire da Giugno.

ROMULUS, di Matteo Rovere: La nuova serie di Sky Originals

Prodotta da Sky, Cattleya e Groenlandia, ROMULUS sarà “una serie epica nel vero senso della parola, un prodotto di portata internazionale in cui brillerà una nuova generazione di attori italiani. Un progetto che ha al suo centro quello che è il brand più
riconoscibile del nostro paese, Roma, che viene raccontata al mondo negli anni della sua nascita e del suo mito con uno stile crudo, realistico, potente.” Queste le chiare e ambiziose parole di Nicola Meccanico, di Sky Italia.

Nel cast troveremo Andrea Arcangeli, già visto in Trust – Il rapimento Getty), Marianna Fontana e Francesco Di Napoli, tutti giovani e ricchi di talento. Alla regia, come già detto ci sarà Matteo Rovere che sarà poi affiancato da Michele Alhaique e da Enrico Maria Artale. Un progetto ambizioso ed importante per la nostra penisola.

Per ROMULUS sono state ricostruite due città, basandosi su ricerche storiche affidabili e documentate, riprodotte centinaia di armi da taglio e ingaggiate oltre 700 presenze stunt. La serie sarà
ambientata otto secoli prima della nascita di Cristo, in un mondo primitivo e spietato nel quale il destino di ognuno è deciso dal potere implacabile della natura e degli dei.

Le sceneggiature sono firmate da Filippo Gravino, già alle prese con Veloce come il vento e Il primo re al fianco di Matteo Rovere,
da Guido Iuculano e dallo stesso Rovere.