Home Cinema Duisburg, linea di sangue: Vito Zagarrio, ESCLUSIVA “Ecco chi è Enzo Monteleone”

Duisburg, linea di sangue: Vito Zagarrio, ESCLUSIVA “Ecco chi è Enzo Monteleone”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:38

Duisburg, linea di sangue va in onda oggi su Rai Uno in prima serata. Abbiamo ascoltato in ESCLUSIVA Vito Zagarrio che ha lavorato con Enzo Monteleone.

Duisburg, linea di sangue
Duisburg, linea di sangue

Duisburg, linea di sangue: l’intervista

Volevo chiederle del suo rapporto con Enzo Monteleone, che ha sceneggiato il suo film Bonus Malus.

Il mio rapporto con Enzo Monteleone viene da prima del film Bonus Malus. L’incontro avviene attraverso un’altra mia amica cineasta, Cinzia Torrini, che ancora non si faceva chiamare Cinzia TH Torrini con questo acronimo misterioso. L’avevo conosciuta quando frequentava l’Accedemia di Cinematografia di Monaco. Una volta trasferita a Roma lei ha frequentato Enzo Monteleone, che a sua volta faceva parte di un gruppo interessante di cui ho parlato nel mio libro Cinema italiano anni novanta, pubblicato da Marsilio.

Enzo Monteleone era venuto a Roma con una task Force di Padova tra cui Mazzacurati, per cui Enzo era stato attore in Vagabondi e Contarello che è diventato sceneggiatore di Sorrentino. Questi tre, insieme ad altri amici attori, si trasferiscono a Roma. Monteleone fece un film di Cinzia TH Torrini che si chiama Hotel Colonial, che non ebbe molta fortuna di botteghino ma vantava un cast tra cui Massimo Troisi, Robert Duvall e altri attori americani molto importanti. Io avevo avuto modo di leggere in anteprima la sceneggiatura di Monteleone che era splendida…forse il film non era riuscito a renderne appieno l’ambiguità. La sceneggiatura parlava di un pentito degli anni di piombo che si trasferisce in America Latina.

La mia amicizia con Monteleone nasce, come spesso accade, passando anche per i campi di calcio, poiché giocavamo contro la squadra di Moretti. In quel momento mi accorgo che Moretti collaborava con quel gruppo, infatti produsse il primo film di Mazzacurati Notte italiana. Così è nata la mia conoscenza con Enzo Monteleone e la mia voglia di fare delle opere con lui.

La prima sceneggiatura di Bonus Malus nasce da due giovani del centro sperimentale, uno dei due era Francesco Bruni che ora è diventato sceneggiatore di Montalbano e sceneggiatore di Virzì fino a un paio di film. Il film inizialmente doveva essere diretto da Gabriele Salvatores ma , avendo egli altri impegni, fu affidato a me. Maurizio Totti, quello della Colorado Film, propose a me Bonus Malus. Io avevo appena girato con Greta Scacchi La donna della Luna, di cui si era parlato molto, e avevo dimostrato di saper di dirigere bene gli attori.

Poi il produttore non fu più Totti ma Maurizio Mattei e co-prodotto dalla società che avevo fondato. Io avevo bisogno di qualcuno che revisionasse la sceneggiatura con me e Francesco Bruni e così chiamai Monteleone, che stimavo molto e che in quel periodo era in grande spolvero poiché aveva collaborato con Salvatores.

Teresa Franco