Home Cinema Grande Fratello, da George Orwell a Michael Ratford

Grande Fratello, da George Orwell a Michael Ratford

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:10
CONDIVIDI

Perchè il reality show “Il Grande Fratello” ha questo nome? Scopriamolo insieme, tornando indietro nel tempo tra George Orwell e Michael Ratford

Grande Fratello
Grande Fratello, da George Orwell a Michael Ratford

Il Grande Fratello è un reality show di fama mondiale, che prevede la presenza di un tot di concorrenti per un lungo lasso di tempo dentro una casa costantemente monitorata da telecamere e sulla quale vigono regole ferree. In Italia gli ascolti sono alle stelle, da tantissimi anni. Ma da dove proviene il celebre nome del programma?

Grande Fratello, da George Orwell a Michael Ratford

“Il Grande Fratello”, altresì conosciuto come “The Big Brother”, prende il suo nome da un personaggio del romanzo di George Orwell “1984”. In un futuro distopico dove una società totalitaria e repressiva non transige nulla e tiene sotto costante osservazione ogni singolo cittadino, decidendo e controllando anche l’amore tra le persone.

Un uomo si innamora illegalmente di una donna e viene braccato dalle forze maggiori per il crimine di psico reato. A scoprirlo è stato Il Grande Fratello, un enorme volto di un uomo proiettato su uno schermo gigante e in grado di scrutare e osservare qualsiasi movimento illecito da parte del popolo. Nulla sfugge al suo sguardo, nemmeno l’amore che secondo le nuove regole dev’essere incondizionato e cieco.

Nello stesso anno in cui venne rilasciato il romanzo, il regista inglese Michael Ratford ne fece un film intitolato “Orwell 1984” e ritenuto all’unanimità il film più fedele mai girato. Addirittura alcune scene furono girate negli stessi giorni in cui esse avvenivano nell’opera cartacea, mostrando una fedeltà totale al racconto originale.

L’opera cinematografica fu molto apprezzata dalla critica e tutt’ora su siti come IMDB e Rotten Tomatoes ha una media voti piuttosto alta. Riuscì inoltre a totalizzare anche un buon incasso negli Stati Uniti, con 8 milioni e 400mila dollari guadagnati al fronte di 3 milioni di sterline spese durante la sua produzione.