Home News Fabrizio Bracconeri, il figlio Emanuele cos’ha? Storia di un grande amore

Fabrizio Bracconeri, il figlio Emanuele cos’ha? Storia di un grande amore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:45
CONDIVIDI
Emanuele Bracconeri, Monica Braslau
Monica Braslau, Fabrizio Bracconeri e loro figlio Emanuele

Ospite di Maurizio Costanzo Show, Fabrizio Bracconeri ha raccontato l’autismo di suo figlio Emanuele.

La storia di un grande amore ma anche la storia di grandi difficoltà e di una forte rabbia nei confronti delle istituzioni, da cui Bracconeri e tante famiglie che vivono la sua stessa realtà si sentono abbandonati. “Si pensa poco alle famiglie disastrate per colpa di questa malattia”, ha detto.

Emanuele, figlio di Fabrizio Bracconeri

Ha 18 anni ed è affetto da una grave forma di autismo che fa sì che, nonostante la maggiore età anagrafica, sia in realtà come un bambino. Inizialmente i medici pensavano che il bambino fosse cieco o sordo, solo in un secondo momento si è arrivati alla diagnosi definitiva.

Oltre al ritardo mentale, Emanuele è idrofobo (ha paura dell’acqua), non parla e indossa costantemente il pannolone.

Storia di un grande amore

Molto provato, Bracconeri si è lasciato andare ad un lungo sfogo nel corso del programma Maurizio Costanza Show. La sua storia, quella della sua famiglia, è fatta di tanto amore, ma anche tante difficoltà. E spesso, gli aiuti economici e morali mancano o non sono adeguati. Per questo l’attore ha voluto sensibilizzare sulla tematica dell’autismo. Ha voluto portare a conoscenza la sua realtà quotidiana e ha voluto chiedere aiuto, affinché la sua famiglia e tutte le altre non vengano abbandonate a loro stesse, ma supportate e aiutate.

“Io vi prego di pensare a una famiglia come la mia. Io però sono fortunato. Posso uscire una sera, posso avere una persona a 35 euro l’ora e posso andare a mangiare una pizza. Purtroppo si pensa poco alle famiglie disastrate per colpa di questa malattia. Le famiglie non hanno una vita. Non posso prendere un aereo, non posso fare un viaggio in macchina e perfino fare la spesa diventa un problema”