Home News Saverio D’Andrea: “Vi racconto Anatomia di una colluttazione” – Esclusiva

Saverio D’Andrea: “Vi racconto Anatomia di una colluttazione” – Esclusiva

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:41
CONDIVIDI
Saverio D’Andrea, “Anatomia di una colluttazione”

Saverio D’Andrea è un giovane musicista che ha appena pubblicato il suo primo album. Anatomia di una colluttazione è il titolo della sua creazione a cui è particolarmente affezionato non solo per gli ovvi motivi del caso, ma anche e soprattutto perché l’album rappresenta a pieno il suo desiderio di evasione.

Saverio D’Andrea: “Vi racconto Anatomia di una colluttazione” – Esclusiva

Saverio ci dice che l’importante è credere nei propri progetti, ma farlo per se stessi e per nessun altro; questa è la vera chiave del successo che prescinde dal successo vero e proprio. Durante la sua giovane carriera ha avuto modo di provare diversi canali che potessero farlo arrivare dove desiderava, ma niente è stato come creare da zero un album tutto suo; il cantante non demonizza i Talent Show né la brama di molti ragazzini che oggi tentano l’entrata in uno di questi, anche quella – ci dice – è un’opportunità, ma lui ha preferito percorrere un altro cammino.

Quando gli chiedo come si è avvicinato alla musica Saverio non nasconde un certo entusiasmo per questa domanda; il suo approccio musicale è dovuto da un bisogno innato di raccontare qualcosa. Un aspetto che colpisce di questo ragazzo è certamente l’umiltà, suo grande pregio, e l’essere così alla mano da mettere chiunque a proprio agio; nonostante i primi successi musicali che sta ottenendo resta sempre con i piedi per terra e si concede senza problemi lasciandoci entrare pienamente nel suo mondo. La scelta di cantare in italiano, ad esempio, è arrivata col tempo e con la necessità di raccontare ancora qualcosa, che però si discostasse un po’ da quello che era il tema centrale delle sue prime composizioni; Saverio era oppresso da un grande lutto e questo non gli permetteva di parlare d’altro. A quel tempo la lingua più usata per le sue canzoni era l’inglese, ma l’esigenza di distaccarsi da questo l’ha portato a cantare in italiano.