Home News Family Day vs Gay Pride, Ciao Darwin 2019: capitani, Madre Natura

Family Day vs Gay Pride, Ciao Darwin 2019: capitani, Madre Natura

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:13
Family Day vs Gay Pride, Ciao Darwin 2019: capitani, Madre Natura
Family Day vs Gay Pride, Ciao Darwin 2019: capitani, Madre Natura

Family Day vs Gay Pride sarà la sfida di questa settimana nella seconda puntata di Ciao Darwin 8, il programma cult condotto da Luca Laurenti e Paolo Bonolis. Le due squadre saranno condotte da due capitani molto noti nel mondo della tv, della politica e della musica: stiamo parlando, da una parte, di Giuseppe Povia e dall’altra da Vladimir Luxuria.

Queste saranno le due fazioni che si contrapporranno in uno dei temi più caldi degli ultimi anni. Questi due gruppi, infatti, si sfideranno a colpi di prove più o meno serie e scoprire quale sarà il carattere dominante tra i due.

Ci saranno davvero tante novità in questa seconda puntata e non solo per il cambio, come è giusto che sia, dei protagonisti e dei temi affrontati, sempre in modo trash e divertente per il pubblico e non solo. Saluteremo, infatti, Ema Kovac, la Madre Natura della prima puntata. Al suo posto, per le prossime due puntate, ci sarà Cicelys Zelies, bellissima top model cubana che è tutto fuorché un volto noto della tv.

Ma perchè Bonolis ha scelto proprio questo tema, Family Day vs Gay Pride per la seconda puntata di Ciao Darwin? Dal 29 al 31 marzo, infatti, non tutti sanno che a Verona ci sarà il Convegno Mondiale sulla Famiglia e quale modo migliore, in questo programma, per ricordarlo e parlarne se non in modo “trash”?

Non a tutti, però, è piaciuta questa idea: alcuni rappresentanti della Lega, tra cui l stesso Matteo Salvini, hanno giudicato negativamente questa scelta degli autori. Tra tutti, anche il senatore Simone Pillon, che ha dichiarato:

“Ciascuno di noi nasce da un uomo e da una donna e quindi la famiglia non può essere in contrapposizione con nessuno. Mi pare un po’ forzato costruire, come vuol fare il programma di Bonolis, questo tipo di contrapposizione, seppure scherzosa.”