Home News Don Matteo, Jamila rapinata a Roma

Don Matteo, Jamila rapinata a Roma

CONDIVIDI
Don Matteo

Una nuova indagine per Don MatteoShukri Daid, che nella fiction di Rai 1 interpreta Jamila, è stata vittima di una rapina nella Capitale.

Don Matteo, Jamila rapinata a Roma

Shukri Daid interreta la carabiniera Jamila nella serie tv con protagonista Terence Hill. L’attrice è stata vittima di una rapina nel suo appartamento a Roma, in zona Flaminio nei pressi di Piazza del Popolo.

Nel week-end degli ignoti si sono intrufali nell’abitazione approfittando dell’assenza della protagonista di Don Matteo. Una volta dentro, utilizzando la fiamma ossidreica, sono riusciti ad aprire la cassaforte. Dall’appartamento oltre all’argenteria sono riusciti a recuperare una copia della chiave dell’auto di Shukri. L’automobile parcheggiata nei pressi della palazzina è stata rubata a sua volta. L’attrice, giornalista e blogger è molto preoccupata per la sicurezza della sua casa e della sua famiglia.

Le indagini

Se fossimo in un episodio della serie sarebbe lo stesso Don Matteo, in sella alla sua bici, ad occuparsi delle indagine. Nella realtà del caso se ne stanno occupando gli agenti del commissariato di Villa Glori, senza riuscire a scoprire niente di rilevante. Tanto che l’attrice ha manifestato al Messaggero tutta la sua insofferenza “La polizia è venuta, ma non mi ha chiesto neanche una lista delle persone che possano aver avuto una copia delle chiavi”. Nell’appartamento non sono infatti emersi segni di scasso.

L’interprete di Jamila si appella poi al Viminale, a Salvini e a Gabrieli “Perché non si sottovaluti questa indagine -afferma Shukri Said- come in generale non debbono essere sottovalutate tutte quelle per furti avvenuti nelle abitazioni”L’attirce e la sua famiglia stanno vivendo un momento di forte paura e non si sono ancora ripresi dallo shock subito. Temono infatti che i ladri possano tornare nella loro abitazione anche con loro all’interno. A preoccuparsi di questo sono sopratutto i figli di Shukri, tanto da arrivare ad avere gli incubi la notte.