Home News MAHERSHALA ALI, Oscar miglior attore non protagonista 2019: Green Book, film, House...

MAHERSHALA ALI, Oscar miglior attore non protagonista 2019: Green Book, film, House Of Cards

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:00
CONDIVIDI
Mahershala Ali, Oscar 2019: Film, altezza, House Of Cards

Mahershala Ali ha conquistato pubblico e critica con il suo ruolo in Green Book, grazie al quale ha conquistato la nomination come Miglior Attore non protagonista agli Oscar 2019. Scopriamone di più sull’attore.

Mahershala Ali, Oscar miglior attore non protagonista 2019: Green Book

Già premio Oscar nel 2017 grazie al suo ruolo in Moonlight è pronto a fare la doppietta agli Oscar 2019, con Green Book ha già trionfato ai Golden Globes e ai Critics’Choice Awards. Due vittorie che solitamente aprono la strada al premio cinematografico più importante, quello dell’Academy Awards.

Carriera, film e House of Cards

Mahershala ha alle spalle una lunga gavetta, dopo essersi laureato in recitazione nel 2000 ha interpretato il ruolo di Trey Sanders nella serie tv Crossing Jordan. Ha poi nel curriculum una serie di apparizioni in serie cult come Lie to Me, CSI, Law and Order. Si è consacrato nel mondo del piccolo schermo per il suo ruolo in House of Cards, dal 2013 al 2016. Poi è approdato poi in casa Netflix nella serie Marvel Luke Cage.

Al cinema ha ottenuto ruoli in film di spicco come Il curioso caso di Benjamin Button, la sua prima prova sul grande schermo. Tornato poi nelle sale con Corssing Over, Predators, Hunger Games- Il canto della rivolta 1 e 2, Il diritto di contare e Alita- Angelo della battaglia, nelle sale dal 14 febbraio 2019.

Vita privata

Mahershala Ali è posato con l’artista e compositrice Amatus Sami-Karim, conosciuta ai tempi della New York University. I due si sono sposati nel 2013 e nel 2017 hanno messo al mondo la loro prima figlia, che ha preceduto di qualche giorno il trionfo di Ali agli Oscar 2017.

L’attore ha un passato di sportivo alle spalle, ha infatti potuto frequentare il St. Mary’s College grazie a una borsa di studio per il basket. Ha ben presto capito di non volere un futuro nel NBA e ha scelto di laurearsi in comunicazione. In quegli anni si è avvicinato alla musica e all’hip hop. Ha realizzato anche due dischi sotto lo pseudonimo di Prince Ali.