Home News L’ISOLA DEI CANI, Oscar miglior film d’animazione 2019: Wes Anderson sarà il...

L’ISOLA DEI CANI, Oscar miglior film d’animazione 2019: Wes Anderson sarà il vincitore?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:04
CONDIVIDI
L’Isola dei cani, Oscar miglior film d’animazione 2019

L’isola dei cani è un film appartenente al genere animazione, ma anche con un pizzico di avventura, uscito nel 2018 per la regia di Wes Anderson, con Bryan Cranston e Scarlett Johansson. Si tratta di una storia in cui uomini e cani convivono amabilmente in una dimensione antropomorfa.

L’Isola dei cani, Oscar miglior film d’animazione 2019: La trama

Tutto ha inizio in Giappone nel 2037, quando il sindaco di Megasaki si vede costretto a provvedere a drastiche misure di emergenza, dal momento che si sta rapidamente diffondendo una sorta di influenza canina. Quindi decide di mettere in quarantena tutti i cani segregandoli su un’isola destinata all0’accumulo di rifiuti e immondizie. Un ragazzo, Atari Kobayashi, appena dodicenne, dopo che ha perso il suo cane, decide di dirottare eroicamente un piccolo aereo sull’isola dove si trovano i cani. Dopo essere atterrato in maniera alquanto brusca, accorrono in suo soccorso un gruppo di meticci disposti a tutto pur di fuggire dall’isola, viste le condizioni di degrado in cui versano da quando sono arrivati. I cani rimangono sconvolti positivamente dalla tenacia del padroncino: e così Capo( la cui voce è affidata a Bryan Cranston), Rex (Edward Norton), Boss (Bill Murray), Duke (Jeff Goldblum) e King (Bob Babalan) si danno coraggio e forza per cercare di sottrarlo agli uomini che a quel punto, avendo compreso il piano del ragazzo, cercano in ogni modo di mettergli i bastoni tra le ruote e gli stanno dando la caccia, mentre i cani lo scortano fin verso il villaggio pericoloso.

Curiosità su L’isola dei cani

Il regista ha dichiarato di aver preso spunto dal cinema di Akira Kurosawa. Il film p stato scelto come film d’apertura al Festival del cinema di Berlino 2018, tendo in considerazione che il regista fosse già di casa, avendo portato in concorso nel 2002 Rex (Edward Norton), Boss (Bill Murray), Duke (Jeff Goldblum) e King (Bob Babalan), Le avventure acquatiche di Steve Zissou nel 2005, e nel 2014 Grand Budapest Hotel, che fu anch’esso film d’apertura e che vinse il Gran Premio della Giuria.

Donatella Swift