Home News A STAR IS BORN, Oscar miglior film 2019: debutto da regista di...

A STAR IS BORN, Oscar miglior film 2019: debutto da regista di Bradley Cooper

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:08
CONDIVIDI
A star is born

A Star Is Born è un remake del film E’ nata una stella; questa pellicola è ciò che segna il debutto come regista di Bradley Cooper. Per l’American Film Institute questo è fra i dieci migliori film del 2018 e ha ottenuto ben 8 candidature agli Oscar del 2019; fra queste: miglior film, miglior attore pratagonista a Bradley Cooper e miglior attrice protagonista a Lady Gaga. Il film ha incassato 420 milioni di dollari.

A STAR IS BORN, Oscar miglior film 2019: debutto da regista di Bradley Cooper

Il film racconta la storia di Jackson Maine, star del rock, che ogni sera si esibisce in città diverse per tantissimi fan. La vita di Jackson non è stata sempre facile: sua madre era poco più che maggiorenne quando lui è nato e suo padre invece ultrasessantenne. L’uomo era spesso assente e soffriva di alcolismo. Purtroppo anche Jackson segue le orme di suo padre e si rifugia negli alcolici spesso e volentieri; inoltre è costretto a convivere con una malattia che non lo lascia in pace: l’acufene. Una sera, dopo un suo concerto, Jackson si trova in una night club in cerca di qualcosa con cui sbronzarsi; lì incontra Ally, una ragazza che si esibisce in quel locale tutte le sere. Lei gli canta a cappella una canzone improvvisata sul momento e qualche strofa di una canzone che lei stessa ha scritto qualche giorno prima; Jackson si innamora della sua voce e delle parole che canta. Il giorno dopo Ally viene invitata ad un concerto della rockstar e anche se inizialmente non è troppo convinta, si decide ad andare a sentirlo, ma prima si licenzia dal night club in cui lavora. Durante il concerto fra Ally e Jack nasce qualcosa; lei vorrebbe passare la notte con lui, ma il ragazzo troppo ubriaco si addormenta immediatamente.

Il giorno dopo i due partono insieme alla volta dell’Arizona, luogo natale del cantante rock. Si trovano a cantare sempre insieme sui palchi del Paese e per questo Ally viene notata da un manager che vuole aiutarla a sfondare nel settore musicale. Il suo primo album ottiene un grandissimo successo tanto da fare vincere un Grammy Award come miglior cantautrice esordiente. Ally decide di fare un discorso di ringraziamento, ma Jack – che nel frattempo l’aveva sposata – è talmente ubriaco che le fa fare una pessima figura. Da qui prende la decisione di affidarsi ad un corso di riabilitazione per riprendere in mano la sua vita e combattere la sua dipendenza; dopo due mesi torna a casa completamente pulito. Ally è felice e decide di rinunciare alla sua tournée in Europa per stare con lui. In un momento in cui lei manca da casa, il suo manager, raggiunge Jackson dicendogli che per sua moglie è un peso e che lei sta ottenendo un successo mondiale che potrebbe subire un declino qualora non si presentasse in Europa per i suoi concerti. Jackson si tormenta al pensiero di essere un impedimento per la donna che ama e decide di prendere una decisione definitiva sulla sua vita.

A star is born, il trailer