Home Televisione Il Commissario Montalbano, anticipazioni 18 febbraio: Un diario del’43

Il Commissario Montalbano, anticipazioni 18 febbraio: Un diario del’43

Il Commissario Montalbano

 Il Commissario Montalbano torna su Rai 1 lunedì 18 febbraio 2019 con Un diario del’43, il secondo episodio inedito dei nuovi film tratto dai romanzi di Andrea Cammilleri e interpretati dal talentuoso Luca Zingaretti.

Il Commissario Montalbano, anticipazioni 18 febbraio: Un diario del’43

I fan del Commissario Montalbano possono tirare un sospiro di sollievo, dopo tanto attesa ritornano le avventure del personaggio interpretato da Luca Zingaretti. I film tratti dai romanzi di Camilleri incollano al televisore milioni di spettatori, raggiunge infatti punte di ascolto di oltre 12 milioni di spettatori con il 44% di share. Dei numeri incredibili, raggiunti soltanto da eventi spettacolari come il Festival di Sanremo e le partite della Nazionale di calcio. Trasmesso in ben 63 paesi il Commissario Montalbano collezione ottimi ascolti anche nelle sue innumerevoli repliche. In onda dal 6 maggio 1999 continua ad essere tra gli appuntamenti più attesi dei palinsesti televisivi.

Trama, Un diario del’43

Il passato bussa alla porta del Commissario Montalbano con la scoperta di un diario del 1943, scritto durante l’estate da Carlo Colussi, un ragazzo di 15 anni. Il ragazzo è totalmente immerso nell’ideologia fascista e confessa nero su bianco di aver commesso una strage all’indomani dell’8 settembre.

Nello stesso giorno del ritrovamento del diario, Montalbano riceve la visita di John Zuck, un anziano molto arzillo. Vigatese di nascita, racconta di essere stato fatto prigioniero degli americani durante la guerra. Non avendo dei genitori da cui tornare, una volta finita la guerra ha preferito restare a vivere negli Stati Uniti. Tornato alla sua terra d’origine, a Vigata, ha trovato il suo nome iscritto erroneamente sulla lapide commemorativa dei caduti in guerra. Da qui il motivo della sua visita in commissariato, Zuck chiede infatti a Montalbano se può aiutarlo a far rimuovere il suo nome dalla lapide.

Il giorno successivo Angelino Todaro, ricco novantenne, viene ritrovato morto. Il Commissario Montalbano capisce ben presto che le tre storie sono tragicamente collegate.