Home News Patty Pravo e Briga “Un po’ come la vita” Sanremo 2019: una...

Patty Pravo e Briga “Un po’ come la vita” Sanremo 2019: una passeggiata al Festival

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:00

Patty Pravo e Briga

Patty Pravo e Briga “Un po’ come la vita” Sanremo 2019

Patty Pravo e Briga “Un po’ come la vita” Sanremo 2019, il primo intoppo del Festival è stato il loro, subito ripreso dall’irriverenza e dalla preparazione artistica di Patty Pravo.

Patty Pravo e Briga “Un po’ come la vita” Sanremo 2019

Patty Pravo e Briga sono, per loro stessa ammissione, gli outsider del gruppo. Non vogliono lanciare nessun messaggio con il loro bravo “Un po’ come la vita” perché come dice l’ex stella del Piper “il messaggio se lo sceglie chi ascolta”. Salvo poi riprendersi “tranne quando ci sono brani particolari che scrivo io -sottolinea la Pravo- quindi dentro c’è la mia anima che sale, in quei momenti ho bisogno di avere un colloquio più intimo con il mio gruppo”.

La canzone proposta da Patty Pravo e Briga non ha tuttavia convito molto né il pubblico né le critica, il più lapidario è stato forse Cristiano Margioglio, che al di là del look eccentrico è stato il paroliere di tanti successi italiani. Commentando la canzone proposta dai due ha detto: “Vorrei sapere chi ha avuto il coraggio di mandare questa nostra icona al Festival in modo così mortificante per tutti quelli che la amano”. Che si riferisca anche al look di Patty Pravo, ben lontano dall’antica eleganza. I lunghi rasta biondi e il completo eccentrico sono stati fonte di forti critiche e hanno scatenato il lato più burlone del web con meme di ogni tipo.

Patty Pravo e Loredana Bertè: una sfida lunga decenni

Patty Pravo e Loredana Bertè sono state e sono tutt’ora le artiste più eccentriche del panorama musicale italiano, oggi così come negli anni Settanta riescono ad affascinare e catturare il pubblico con la loro trasgressione. Due vite le loro che si somigliano negli eccessi, nei drammi e in un successo altalenante che non le ha mai viste scomparire. Icone di una femminilità audace e trasgressiva, che le emozioni non le racconta ma le grida ad alta voce.