Home Televisione Achille Lauro “Rolls Royce” Sanremo 2019: saluta la trap per il Festival

Achille Lauro “Rolls Royce” Sanremo 2019: saluta la trap per il Festival

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:00
Achille Lauro “Rolls Royce” Sanremo 2019

Achille Lauro “Rolls Royce” Sanremo 2019. Riuscirà Achille Lauro, quindicesimo artista in gara, a staccarsi dalla musica trap e convincere la platea dell’Ariston con un brano che si rifà al sound del rock’n’roll? Sicuramente porterò sul palco tutto il suo entuasiamo e sopratutto la sua sensibilità.

CLICCA QUI PER LA DIRETTA DELLA PRIMA SERATA DI SANREMO

Achille Lauro porta il suo inedito Rolls Royce a Sanremo 2019 omaggiando le grandi icone della musica. Il 69 esimo Festival di Sanremo condotto anche quest’anno da Claudio Baglioni andrà in onda il 5 febbraio su Rai1 per cinque sere fino al 9 febbraio.

Achille Lauro “Rolls Royce” Sanremo 2019: il testo

Un nuovo esperimento coinvolgerà il trapper Achille Lauro, da domani in gara al Festival di Sanremo, ossia quello di cantare un brano senza nessun tipo di influenza trap. Rolls Royce è infatti una canzone che esula totalmente dal genere cucito addosso al cantante, abbracciando un ritmo che richiama per alcuni versi il sound rock ‘n’ roll. Il testo riporta alla vita delle star, delle famose icone della musica e non, che vivono un’esistenza di lussi e concessioni.

Tuttavia dietro alle apparenze dorate e chiassose della mondanità, si nasconde la vita reale, quella popolata da problemi e questioni spinose, che differiscono dalla vetrina, da come apparentemente si percepisce la vita. Un brano che sembra attingere alla tradizione musicale nonché ai testi di un periodo che si ricollega agli anni 70 e 80. E se c’è qualcuno che paragona questo suo ingresso all’Ariston a quello di Vasco Rossi con Vita Spericolata, Achille Lauro resta ben fisso sul suo scopo, quello di far arrivare a più persone possibili il suo nuovo brano.

La carriera

La carriera musicale di Achille Lauro inizia quando il fratello maggiore, produttore per il collettivo Quarto Blocco, lo avvicina al rap e al punk rock. La svolta arriva nel 2012, quando pubblica il suo primo mixtape Barabba, realizzato con la collaborazione di molti artisti della scena rap. Nel 2014, dopo aver conosciuto Marracash, firma un contratto con l’etichetta Roccia Music, passo che porterà il trapper verso un successo conclamato, e all’album Ragazzi Madre. L’ultimo disco pubblicato in studio è Pour l’amor, realizzato in collaborazione con Boss Doms.