Home Curiosità Il meglio e il peggio della saga “Saw”

Il meglio e il peggio della saga “Saw”

CONDIVIDI

Con l’uscita in sala dell’ultimo capitolo, dal sapore di reboot, intitolato Saw:Legacy, per la regia dei fratelli Peter e Michael Spierig, è anche giusto fare mente locale e ricercare in questo serial ciò che è stato fatto di buono e no nei confronti del cinema horror, grazie a quelle trame che presentano enigmi inquietanti al cospetto di trappole mortali, dagli esiti alquanto splatter, e al suo protagonista allucinante: il temuto Jigsaw di Tobin Bell.

Di seguito potete vedere una classifica dei capitoli della serie Saw, dal migliore al meno bello:

1) Saw – L’enigmista (2004) di James Wan 

Campione d’incassi a fronte di un costo misero (un milione e mezzo di dollari di budget), il primo ed ovviamente il migliore, quello che ha lanciato il nome del regista Wan nell’empireo dei cineasti horror da tenere d’occhio, anche se in seguito si è occupato anche di altro (Fast & furious 7 e il prossimo Aquaman).