Home Recensioni La trilogia de “Le comiche” in dvd

La trilogia de “Le comiche” in dvd

CONDIVIDI

Con il supporto della Silvio Berlusconi Communications, nei primi anni Novanta i produttori Mario e Vittorio Cecchi Gori ebbero l’idea di produrre una serie in omaggio alle mitiche e indimenticabili comiche del muto, quelle militate da leggende della settima arte come Charlie Chaplin o Buster Keaton, ma, soprattutto quelle che vedevano per protagonisti anche i sonori Stanlio e Ollio, la cui padronanza scenica in fatto di risate ancora oggi domina nelle menti di ognuno.

È nel 1990 che prende quindi avvio la trilogia partita con la commedia Le comiche, lungometraggio appositamente sfornato per il volere di un pubblico in cerca di divertimento facile e che pone al proprio centro il recentemente scomparso Paolo Villaggio e il grande Renato Pozzetto; come pure nei sequel del 1991 e del 1994, sfruttando tutto il loro repertorio di gag slapstick e battute ad effetto.

Regista dell’intera trilogia l’asso del cinema ironico Neri Parenti, la cui mano gestisce professionalmente il materiale esposto dai tre film, editi in dvd da CG Entertainment (www.cgentertainment.it).

Le comiche (1990)

In questa prima avventura, Villaggio e Pozzetto interpretano due comici del cinema muto usciti inspiegabilmente da uno schermo cinematografico e ritrovandosi ad andare in giro a svolgere varie mansioni professionali.
Combinando, ovviamente, guai a non finire; da imbianchini ad addetti di una stazione di servizio, da camerieri forzati in un albergo delle Alpi a sosia di due spietati criminali intenzionati a volerli uccidere per coprire le proprie tracce.

Un film che uscì nelle sale cinematografiche per le feste natalizie, facendo proseliti al botteghino e confermando come questa pellicola, basata sulla classica formula della gag facile, sia a tutti gli effetti una scommessa vincente, grazie ai tempi perfetti dei due protagonisti e alla presenza di comprimari all’altezza quali Enzo Cannavale, Alessandra Casella, Fabio Traversa, Gianfabio Bosco, Tiziana Pini e Sal Borgese.

Nella sezione extra del disco è possibile trovare un’intervista esclusiva di due minuti al produttore Vittorio Cecchi Gori.

 

Le comiche 2 (1991)

Stavolta le due sagome interpretate da Villaggio e Pozzetto prendono vita direttamente da un manifesto pubblicitario, promettendo di combinare ancora molti più guai di prima, sempre svolgendo diversi lavori; da infermieri a metronotte alle prese con un ladro malintenzionato, da proprietari di un aerotaxi a soldati della legione straniera, fino a divenire una coppia di Babbi Natale poco inclini a voler far trascorrere delle buone feste ad una famiglia aristocratica.

Con questa seconda avventura dedicata all’universo della risata vecchio stile, il buon Parenti riesce a tirar su un sequel all’altezza della situazione, facendo affidamento all’alta professionalità dei due Villaggio e Pozzetto, ma soprattutto creando contesti-citazionismi alle vecchie “comiche”, come la parentesi della legione straniera, memore dei sopra menzionati Stanlio e Ollio interpreti del mitico mediometraggio I due legionari.

In questo caso, tra i comprimari vessati sono riconoscibili il caratterista Roberto Della Casa, il compianto Romano Puppo (è il ladro malintenzionato), Gianni Franco, Loredana Romito, Angelo Pellegrino, Antonio Allocca e Paul Muller.

Nel comparto extra del dvd è possibile trovare un’intervista esclusiva al regista Neri Parenti, della durata di tredici minuti.

 

Le nuove comiche (1994)

Non c’è due senza tre, quindi, per questa terza avventura cinematografica condita di risate nostalgiche il duo Villaggio e Pozzetto sconfina direttamente dal tubo catodico, arrivando ad aggirarsi tra la gente comune con l’intenzione di scombinare di nuovo tutto, sempre in contesti diversi; da elettricisti e guardie del corpo, da campeggiatori rivali in amore a padri per caso di un neonato abbandonato davanti casa loro, fino a divenire i guardiani di un faro, apparentemente luogo idilliaco dove vivere per sempre.

Alla loro terza prova Villaggio e Pozzetto non sbagliano nuovamente un colpo, lasciandosi dirigere dall’esperto Parenti anche in questo capitolo conclusivo con grande conoscenza della materia comica, tra gag slapstick ed alcuni risvolti più emotivi (come l’episodio della rivalità in amore e quello dei padri improvvisati).

Fino a far capitolare la coppia di pasticcioni protagonisti letteralmente sulla testa dell’allora premier Silvio Berlusconi (momento che, a suo modo, simboleggiava un certo cambiamento dei tempi), che dei primi due capitoli de Le comiche era stato co-produttore.

Tra le facce di contorno è possibile riconoscere caratteristi quali Luigi Petrucci (famoso per essere stato il petulante Postiglione di Compagni di scuola), Ramona Badescu (che si esibisce anche come mamma l’ha fatta), Sergio Di Pinto, Sonia Viviani, Isa Gallinelli, Antonio Allocca e Renato Cestié, ex-enfant prodige del cinema strappalacrime anni Settanta e indimenticato Massimo Conti del telefilm I ragazzi della terza C.

Nel comparto extra del supporto è possibile trovare un trailer cinematografico.

Mirko Lomuscio