Home News Glenn Close ancora sorpresa da “Attrazione fatale”

Glenn Close ancora sorpresa da “Attrazione fatale”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:54

“Quella sceneggiatura era così convincente che leggendola ha come cambiato la mia chimica. Poi la scena del coniglio mi ha steso, era il massimo, non riuscivo a togliermela dalla testa. Gli studenti sono impazziti”.

Parlando di una proiezione del film alla Indiana University, racconta questo su Usa Today l’attrice Glenn Close a proposito della famosa scena del coniglio di Attrazione fatale, in cui vestì nel 1987 i panni di Alex Forrest, donna ossessionata in cerca di vendetta contro il proprio ex amante, interpretato da Micheal Douglas, e la sua famiglia.

Scena in cui il suo personaggio, in preda alla follia, bolle in pentola il coniglio addomesticato di famiglia.

“Spero che, in un modo o nell’altro, questo potente film che tocca problemi importanti venga presentato di generazione in generazione. E trovo grandioso il fatto che il termine bunny boiler sia oggi entrato nei dizionari. Ho portato la sceneggiatura da diversi psicologi chiedendo se quel comportamento fosse possibile. Tutti dissero di sì. E c’era questa teoria sull’incesto che mi ha fatto davvero amare Alex, permettendomi di entrare in empatia con lei. Non ho mai pensato a lei come una dei personaggi più malvagi del ventesimo secolo” ha proseguito, in quanto secondo la Close Alex avrebbe subito un incesto durante l’infanzia e questo l’avrebbe portata a provare dispiacere per quella donna.

Per bunny boiler si intende una  persona emotivamente instabile o pericolosamente vendicativa: grazie al film, l’espressione è entrata nel gergo comune e persino sui dizionari.

«