Home Curiosità Vi ricordate di quando Gloria Guida faceva l’affittacamere?

Vi ricordate di quando Gloria Guida faceva l’affittacamere?

CONDIVIDI

Da oltre tre decenni la conoscono tutti per essere la compagna di vita del cantante e attore Johnny Dorelli, ma, come ben sanno i fan irriducibili della cinematografia stracult, tra gli anni Settanta e Ottanta è stato uno dei volti (ma, soprattutto, corpi) più gettonati della Commedia sexy tricolore, insieme ad Edwige Fenech e Barbara Bouchet.

Utilizzata per lo più in ruoli di liceale o angelica ragazzetta facilmente propensa a mostrarsi senza veli, nel 1979 Gloria Guida ha anche incarnato la bella Giorgia Mainardi ne L’affittacamere di Mariano Laurenti, recentemente reso disponibile su supporto dvd da 01 Distribution e in cui, ricevuta in eredità da una vecchia zia contessa una grande e malridotta villa nella campagna bolognese, decide insieme alla grassa sorella Angela alias Fran Fullenwider di trasformarla in una pensione.

Un’idea di partenza che basta alla sceneggiatura a firma di Paolo Brigenti e Bruno Corbucci per dare il via alla sequela di situazioni comico-scollacciate tipiche del filone; soprattutto dal momento in cui, con il fine di aumentare la clientela, Giorgia decide di far credere agli ospiti che provvederà a “ricompensarli” a dovere durante il soggiorno.

Man mano che, all’interno di un ricco cast comprendente Enzo Cannavale, la Giuliana Calandra di Profondo rosso e Luciano Salce, Lino Banfi ci delizia con le sue consuete storpiature di parole fornite della “e” al posto della “a” e Vittorio Caprioli si cala nei panni di un onorevole dalle perverse abitudini.

Infatti, arriva addirittura a firmare col pennarello diversi punti della Guida, che non manca di mostrarsi integralmente nuda dividendosi il lato strettamente sexy dell’insieme con una una fedifraga Marilda Donà ancor più difficilmente propensa a tenere gli indumenti addosso.

Mentre il campionario di volti noti viene completato da un Adolfo Celi dal baffetto hitleriano che, nel ruolo del giudice moralizzatore Damiani, sempre pronto a gridare allo scandalo, finisce per avere una brutta sorpresa proprio quando decide di effettuare un controllo presso la pensione.

Insomma, è il caso di ri…scoprire la bella Gloria!

Francesco Lomuscio