Home News ZaLab e Giornate degli Autori presentano Laguna Sud

ZaLab e Giornate degli Autori presentano Laguna Sud

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:30

Dal 23 al 27 Agosto, si accendono i riflettori sulla laguna veneta aspettando la Mostra del Cinema. Succede a Chioggia, dove per il terzo anno consecutivo, ZaLab e Giornate degli Autori presentano Laguna Sud, cinque giorni di cinema prima che si illumini il Lido. Un progetto, sostenuto dalla Cittá di Chioggia, dalla sua Proloco e dalla Fondazione Clodiense, che vede protagonista il territorio lagunare ed il suo pubblico.
Nella bellissima cornice medievale del Chiostro dell’Isola di San Domenico, nei primi tre giorni della rassegna, le Giornate degli Autori ripropongono alcuni tra i loro film piú belli degli ultimi anni, pluripremiati e molto amati dal pubblico: El desconocido (La resa dei conti) di Dani de la Torre, La ragazza del mondo di Marco Danieli e Indivisibili di Edoardo De Angelis. Il quarto giorno Andrea Segre (curatore della rassegna) presenta il suo ultimo film Ibi e Daniele Gaglianone il corto Granma, entrambi reduci dal settantesimo Festival di Locarno. Segre e Gaglianone (in collaborazione con ZaLab), saranno anche i coordinatori del laboratorio di cinema Guerra e Schei, un progetto che indaga, tra le calli di Chioggia, sul ruolo dei soldi nelle guerre. Dal laboratorio nasceranno dei corti che saranno proiettati sul grande schermo nella serata di chiusura di Laguna Sud.
“Tre anni fa – dice Andrea Segre – con Giorgio Gosetti ci siamo detti che era un peccato limitare al Lido e al suo Palazzo il rapporto tra il cinema e la Laguna, volevamo dare la possibilità a questi due mondi magici di incontrarsi di più. Così abbiamo lanciato una sfida, fatto nascere un piccolo sogno: Laguna Sud – il cinema fuori dal Palazzo. Oggi questo sogno ha già tre anni ed è ormai diventato realtà. Venite a scoprirlo!”
Si comincia, mercoledì 23 Agosto, con il thriller spagnolo El Desconocido, opera prima dell’attore Dani de la Torre, vincitore di due prestigiosi premi Goya nel paese d’origine. Il pubblico di Chioggia, avrà modo di tremare insieme al protagonista Carlos, che scopre di avere una bomba sotto il sedile della sua auto pronta ad esplodere se non mette insieme una ingente somma di denaro.
Si prosegue con due film italiani in concorso nella scorsa edizione delle Giornate, tra i più apprezzati e premiati dell’ultima stagione cinematografica: La ragazza del mondo (di Danieli) e Indivisibili (di De Angelis).
Il film di Marco Danieli, in programma il 24 Agosto, vede Michele Riondino e Sara Serraiocco protagonisti di una storia d’amore contrastata tra due ragazzi appartenenti a realtà diverse. Giulia, è una testimone di Geova alla prese con testi sacri e proibizioni, Libero un ribelle che lotta per regalare a Giulia la libertà che la sua comunità le ha sempre negato.
Indivisibili, in proiezione la sera del 25, è l’emozionante storia di due gemelle siamesi che mantengono la famiglia grazie alle loro doti canore, fino al momento in cui la sicurezza economica del padre viene messa in discussione dal desiderio di Viola e Daisy di recuperare le loro individualità e condurre una vita normale.
Per la quarta serata (26 Agosto) Andrea Segre e Daniele Gaglianone, mostrano al pubblico i loro nuovi film, mettendo in scena le migrazioni e i loro effetti sulla vita dei protagonisti di queste storie. I “sud del mondo” piú che mai “non-luoghi” sociali oltre a luoghi geografici, sono protagonisti di questa serata di cinema e di riflessione in anteprima assoluta.
Ibi (diretto da Segre), è la storia auto-narrata di una donna africana che, attraverso le immagini da lei realizzate, racconta dieci anni di vita in Europa ai suoi figli rimasti in Africa. Un film che nasce dalla creatività e dalla sensibilità di questa donna che ci offre una visione del “nostro” mondo da un altro punto di vista. Gaglianone, nel suo cortometraggio Granma, racconta di Jonathan, un ragazzo nigeriano appassionato di musica che riceve una telefonata che gli cambia la vita: scopre che il suo caro amico Ayo è annegato durante la disperata traversata del Mediterraneo e si mette in viaggio per dare la notizia alla famiglia.
Per la chiusura (il 27), una festa che celebra la fine del laboratorio di Cinema Guerra e Schei, coordinato da Segre e Gaglianone e con la collaborazione di ZaLab. Il laboratorio, da cui nasceranno alcuni cortometraggi che saranno proiettati per l’occasione sul grande schermo, è un progetto pratico e di ricerca tra le calle e i canali di Chioggia. Quest’anno a Laguna Sud si approfondirà come è stata vissuta e come si vive ancora oggi l’immagine della guerra in rapporto con le baruffe e i conflitti quotidiani nell’isola. Ma soprattutto si cercherà di capire che ruolo hanno avuto i soldi (i schei), in questi conflitti.
“Laguna Sud è per noi il luogo della libertà – dice Giorgio Gosetti, direttore delle Giornate. – Cinque giorni in cui i film sono prima di tutto occasione per recuperare momenti emozionati delle Giornate (quest’anno poi i due film italiani hanno fatto incetta di premi ovunque), ma soprattutto per creare quello spirito di comunità e voglia di vivere il cinema insieme che è la forza e il senso della nostra sezione. Ecco perché il laboratorio di filmmaking, ma anche le pause enograstonomiche ci sembrano far parte di un progetto unico, proprio come i film. La presenza di Andrea Segre e Daniele Gaglianone con i loro nuovi lavori completa bene il programma dell’anno e siamo grati al Festival di Locarno che proprio lo scorso 7 Agosto li ha tenuti a battesimo nell’ultima edizione”
L’appuntamento, dal 23 al 27 Agosto, è alle ore 21.00 presso il Chiostro dell’Isola di San Domenico di Chioggia (in caso di maltempo le proiezioni avverranno all’Auditorium San Nicolò). Tutte le proiezioni sono ad ingresso gratuito.