Home News Ventotene Film Festival: Sergio Castellitto ritira il Premio Vento d’Europa

Ventotene Film Festival: Sergio Castellitto ritira il Premio Vento d’Europa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:30

Sergio Castellitto è stato ospite il 29 luglio 2017 del Ventotene Film Festival. L’attore, regista e sceneggiatore ha ritirato il Premio Vento d’Europa – Wind of Europe International Award – fondato sotto l’Alto Patrocinio del Parlamento Europeo e conferito ad artisti simbolo della cultura continentale – ed è stato protagonista di un incontro con il pubblico, moderato dal giornalista e critico cinematografico Mario Sesti, durante il quale ha raccontato aneddoti legati alla sua ultima opera di lungometraggio Fortunata (premio per la Miglior Interpretazione a Jasmine Trinca all’ultimo Festival di Cannes).

“Faccio film che mi piacerebbe andare a vedere al cinema, che abbiamo corrispondenza con la realtà ma che non siano propriamente realistici. Sono uno spettatore medio ma credo che un’opera si possa dire notevole se alla fine ti lascia in silenzio per qualche minuto” ha dichiarato. “I miei film sono di scrittura, per questo non posso prescindere da Margaret (Mazzantini) – ha raccontato il regista romano -. Fortunata è un racconto che lei non ha mai voluto pubblicare, era lì in un cassetto, era il momento di tirarlo fuori. Io ho sempre creduto che le idee che sopravvivono sono le migliori”. Fortunata, a suo dire, “è un aggettivo, è fato, è una ragazza inadeguata nel suo mestiere di madre, moglie e amica”. Sul set, al fianco della Trinca, anche Stefano Accorsi, Alessandro Borghi e Edoardo Pesce: “Ho chiesto loro – ha spiegato Castellitto – di lasciare libero il corpo, per me è fondamentale partire da un atteggiamento, il gesto è fenomenologico. Un attore che cos’è se non il proprio corpo? Poi viene chi sei, i libri che leggi, ma la prima cosa che noti in un artista è la sua fisicità e attraverso questo anche l’artista comprende le proprie capacità”.

Il Ventotene Film Festival, ideato da Loredana Commonara, è realizzato grazie al contributo del MiBACT, della Regione Lazio e con il sostegno di SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori.