Home News Ireland Baldwin ironizza sugli insulti del padre

Ireland Baldwin ironizza sugli insulti del padre

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:30
EAST HAMPTON, NY – JULY 24: Alec Baldwin, Hilaria Baldwin and Ireland Baldwin attend the “Mission: Impossible – Rogue Nation” Special Screening Hosted By Alec Baldwin, After Party, at Blue Parrot on July 24, 2015 in East Hampton, New York. (Photo by Monica Schipper/Getty Images for Paramount Pictures Studios) *** Local Caption *** Alec Baldwin;Hilaria Baldwin;Ireland Baldwin

“Sono qui per arrostire quel vecchio grosso prosciutto che chiamo padre! A proposito di suini, alcuni di voi mi ricorderanno ancora come la ‘piccola maiala senza cervello’. Lo avrete letto sui tabloid. Sono passati dieci anni e io mio padre siamo finalmente riusciti a fare pace. E poi adesso non direbbe mai più cose di quel tipo. Perché sono alta 1.80 e gli farei un mazzo così!”.

In occasione di un evento tenutosi all’Apollo Theater di New York, al cospetto di tante star del cinema tra cui Julianne Moore, Robert De Niro e Tracy Morgan, Ireland Baldwin ha così scherzato nel ricordare gli insulti shock con cui è stata apostrofata dal padre Alec Baldwin alla tenera età di undici anni, quando l’attore la definì – in un messaggio in segreteria inspiegabilmente finito in pasto ai tabloid – come una “piccola maiala, un essere umano senza cervello e senza decenza”.

Proprio alcune settimane fa Alec Baldwin ha rivelato come lo scandalo abbia causato una “rottura permanente” nella sua relazione con Ireland, definendola come una “ferita che non guarirà mai”.

La giovane ha proseguito rivolgendosi al padre in platea (dove era con la seconda moglie Hilaria): “La verità però è che quel periodo stava rischiando di ucciderlo emotivamente. E io non voglio vedere mai più mio padre stare così male. O meglio fino a quando non gli farò vedere il mio primo tatuaggio. Ops, il mio secondo tatuaggio! Non posso fargli vedere dove ho fatto il primo! So che te l’ho già ripetuto tante volte, ma sono orgogliosa di essere tua figlia e sono felice di essere qui stasera. Ti voglio bene e ti adoro”.