Quando Paul Walker se la vide con il mostro dell’armadio

non-aprite-quellarmadio

Sulla data di produzione c’è un po’ di confusione in quanto alcune fonti riportano 1986, altre 1987.

In ogni caso, nelle sale cinematografiche italiane non arrivò mai, ma venne distribuito direttamente in videocassetta all’inizio degli anni Novanta, con il titolo Non aprite quell’armadio.

Unico lungometraggio diretto dallo specialista in seconde unità Bob Dahlin, Monster in the closet si svolgeva nella cittadina di Chestnut Hills, a nord di San Francisco, dove si susseguivano misteriosi delitti commessi negli armadi delle vittime e un giornalista scopriva insieme ad un grottescamente “sputacchione” sceriffo che il responsabile era un feroce mostro.

Mostro decisamente buffo e che si nascondeva dentro gli armadi, man mano che a combatterlo provvedevano, tra gli altri, anche una professoressa e il suo geniale figliolo, interpretato da un esordiente Paul Walker.

Proprio così, la compianta star del franchise a tutta velocità Fast & Furious debuttò ragazzino in quella trashissima operazione che molti, probabilmente, cancellerebbero dal proprio curriculum.

Eccolo nell’immagine che vedete qui sopra.

Gestione cookie