Home Attualità “Il crimine non va in pensione”: gag, battute e temi sociali‏ al...

“Il crimine non va in pensione”: gag, battute e temi sociali‏ al bingo

CONDIVIDI

Il crimine non va in pensione

Si e’ tenuta a Roma, al Bingo Araldo, la conferenza stampa di presentazione del film attualmente in lavorazione, “Il Crimine non va in pensione”, la commedia di Fabio Fulco dedicata agli anziani di oggi, della Stemo Production dei produttori Claudio Bucci e Rosa Chiara Scaglione.

La conferenza e’ stata animata da gag e battute dei protagonisti del film presenti alla conferenza stampa, quali Ivano Marescotti, Gianfranco D’Angelo, Salvatore Misticone, Aldo Leonardi, insieme ai produttori ed al regista Fabio Fulco.

“Il Crimine non va in pensione” e’ una commedia anni 50/60, che unisce quei valori che rendono l’arte cinematografica sociale e formativa. La conferenza stampa e’ stato un evento unico nel suo genere perché, non solo si e’ tenuto al “Bingo Araldo”, set del film, ma ha trattato i temi di attualità che coinvolgono gli anziani di oggi, quali la solitudine, la lotta alla ludopatia, le problematiche delle truffe e dei raggiri del gioco illegale, ancora troppo diffuso nel nostro paese, in contrapposizione al gioco legale come attività sociale e di divertimento.

Il Regista Fabio Fulco ha raccontato di quanto sia emozionante e divertente al contempo, girare un film con un cast di tutti grandi attori che hanno deciso di aderire e credere nel suo progetto e della Stemo Production.

“Il film come ‘Il Crimine non va in pensione’ con attori di altissimo livello – ribadiscono i produttori – rende il set divertente anche per noi. Il nostro sguardo sul cinema ha sempre anche una funzione sociale. Il messaggio lanciato dal film punta ad un gioco che non sia una soluzione ai nostri problemi, bensì un modo per distrarsi da essi, passando un po’ di tempo fra amici, come fanno i nostri protagonisti al Bingo”.

Si sono confrontati sul tema del gioco responsabile anche Enrico Polo, proprietario del Bingo Araldo, Italo Marcotti Presidente FederBingo, aderente a Confindustria Servizi Innovativi che ha ribadito che il Gioco del Bingo, dato il basso costo di una cartella pari ad 1 euro, puo’ essere uno strumento di divertimento e di socialita’ per gli anziani e l’avvocato Marco Polizzi, Presidente dell’associazione dei consumatori Primoconsumo ha quindi proseguito sottolinenando l’importanza di campagne di sensibilizzazione sul Gioco Responsabile che e’ necessario per il contrasto alla ludopatia e al gioco illegale.

Tra i protagonisti del cast di stelle del film: Stefania Sandrelli, Franco Nero, Orso Maria Guerrini, Maurizio Mattioli, Giacomo Piperno, Rosaria D’Urso, Silvana Bosi, Gisella Sofio, e lo stesso Fabio Fulco che interpreta il divertente Sasà.

Il regista e gli attori hanno ringraziato anche lo sceneggiatore Fabrizio Quadroli che fotografa con ironia la giornata del centro anziani “Santa Margherita”. Chi gioca a carte, chi a bocce, chi a sudoku e cruciverba. La placida atmosfera, di un giorno come tanti altri, viene però sconvolta dal ricovero di una signora del centro che ha accusato un malore causato dal forte stress per aver perso i suoi risparmi scommettendo illegalmente. Quando i suoi amici vengono a sapere che i suoi problemi sono causati da difficoltà economiche, decidono maldestramente di rapinare il Bingo.