Home News Julien Temple ”Guest Director” del 33° Torino Film Festival

Julien Temple ”Guest Director” del 33° Torino Film Festival

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:30

Julien Temple

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Julien Temple, il regista britannico “inventore” del video musicale come forma d’arte e autore di numerosi film documentari e di finzione, sarà il Guest Director della 33esima edizione del Torino Film Festival (21- 28 novembre 2015). L’autore di “London, the Modern Babylon”, “Oil City Confidential”, dei film sui Sex Pistols e su Joe Strummer, di “Absolute Beginners” e “The Great Rock’n’Roll Swindle”, sarà a Torino per presentare una selezione di film ispirati al suo nuovo lavoro: “The Ecstasy of Wilko Johnson”. Il film racconta, attraverso le parole del protagonista e un montaggio di immagini tratte da film, concerti, cinegiornali, l’esperienza umana e psicologica di Wilko Johnson, il frontman della rock band britannica Dr. Feelgood: dopo una diagnosi mortale nel gennaio del 2013, che gli lasciava dieci mesi di vita, Johnson decise di non sottoporsi a cure che l’avrebbero fiaccato, ma di vivere meglio che poteva (compreso un “farewell tour” e un album che ha scalato le classifiche). Poi, la scoperta della possibilità di essere operato: e oggi, Wilko Johnson è nuovamente in tour. Julien Temple è nato a Londra nel 1953. Il suo interesse per il cinema emerse durante i primi anni di università quando scoprì i film del regista francese Jean Vigo. Questo lo spinse a frequentare la National Film and Television School nel Buckinghamshire. Dopo il diploma e il ritorno a Londra, l’incontro con i Sex Pistols e con la musica punk determinarono l’inizio della sua carriera. Pioniere nella realizzazione dei primi video musicali, regista di lungometraggi e serie televisive, negli ultimi anni Temple è tornato al genere documentario con il quale si era fatto conoscere dal grande pubblico nel 1980.