Home Cinema L’inedito Schwarzenegger di “Sabotage” in blu-ray

L’inedito Schwarzenegger di “Sabotage” in blu-ray

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:30
CONDIVIDI

sabotage

Sebbene il protagonista sia il veterano del machismo reaganiano da schermo Arnold Schwarzenegger, nelle nostre sale non è mai arrivato ed è Sony pictures, ora, a renderlo disponibile per il mercato dell’home video tricolore in alta definizione tramite la sua collana economica HomeCinema, costituita da inediti cinematografici di qualità.
Diretto dal David Ayer sceneggiatore di “Fast and furious” (2001) e regista, tra gli altri, di “Harsh times – I giorni dell’odio” (2005) ed “End of watch – Tolleranza zero” (2012), “Sabotage” (2014), con un’apertura all’insegna del movimento e degli spargimenti di cadaveri, lascerebbe immediatamente pensare all’ennesimo action-movie a stelle e strisce, complice la squadra della DEA protagonista che, comprendente Sam”Avatar”Worthington e il Terrence Howard di “Iron man” (2008), si presenta in maniera non troppo dissimile dalla combriccola di mercenari picchiaduro introdotti da Sylvester Stallone per mezzo della saga “The expendables”.
Ma, al di là della iniziale, violenta incursione eseguita dal gruppetto guidato dal succitato ex Mr. Olympia in una safe house di un cartello della droga e durante la quale qualcuno approfitta per rubare dieci milioni di dollari in contanti, non è su colossali esplosioni e pallottole volanti che si costruisce la oltre ora e quaranta di visione.
Infatti, mentre si tenta di scoprire l’identità di chi si è impadronito del bottino e veniamo a conoscenza del fatto che l’unico interesse dell’interprete di “Terminator” sia quello di scovare il responsabile della brutale uccisione della moglie, qualcuno comincia ad eliminare in maniera violenta i suoi compagni di giustizia.
E, di conseguenza, non sono ritrovamenti di cadaveri sbudellati da cinema horror a risultare assenti, man mano che prende forma un coinvolgente thriller con ogni probabilità influenzato dal filone conseguito a “Seven” (1995) di David Fincher, ma che, impreziosito da uno script decisamente ricco di sorprese (soprattutto nella fase conclusiva della pellicola), non fatica a lasciar emergere un forte retrogusto da moderno western.
Senza rinunciare ad un ultimo, serrato inseguimento automobilistico e con due finali alternativi proposti nella sezione extra del blu-ray, insieme ad otto scene eliminate ed al piccolo speciale “Sabotage – La realizzazione del film”.

Francesco Lomuscio