Home Cinema In dvd l’invasione di lupi mannari targata Asylum

In dvd l’invasione di lupi mannari targata Asylum

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:30
CONDIVIDI

battledogsIl cast è di quelli ricchi di veterani dello schermo ormai attivi soprattutto nell’ambito dei b-movie, in quanto abbiamo il Craig Sheffer di “Cabal” (1990), il Dennis Haysbert di “Lontano dal paradiso” (2002), il Bill Duke visto al fianco di Arnold Schwarzenegger in “Commando” (1985) e “Predator” (1987), l’Ernie Hudson di “Ghostbusters – Acchiappafantasmi” (1984), Wes”Balla coi lupi”Studi e la Ariana Richards che fu bambina in “Jurassic park” (1993) di Steven Spielberg.
Ed è coinvolta anche la Kate Vernon che recitò in “Jackpot” (1992) con Adriano Celentano all’interno di “Battledogs” (2013), lungometraggio televisivo che rappresenta il debutto registico per Alexander Yellen, direttore della fotografia di non pochi titoli targati Asylum, casa di produzione specializzata in bizzarrie a basso costo.
Del resto, è proprio la factory che ci ha regalato, tra gli altri, “Mega shark versus giant octopus” (2009) e “Sharknado” (2013) a finanziare la oltre ora e venti di visione che, tramite un massacro in aeroporto, introduce la vicenda di un virus dagli effetti devastanti destinato a trasformare in pericolosissimi uomini lupo i comuni mortali.
Un virus che arriva a propagarsi a Manhattan, mentre l’esercito tenta di fare il possibile per debellare la situazione e si presenta perfino il rischio di dover ricorrere, se necessario, alle armi nucleari.
Man mano che le vittime aumentano e il sangue schizza copioso ad opera dei pelosi licantropi digitali, che, dapprima attivi all’interno della base militare, poi impegnati a seminare panico e morte in città, sembrano, a tutti gli effetti, discendenti di quelli protagonisti del poco celebrato “Un lupo mannaro americano a Parigi” (1997) di Anthony Waller.
Licantropi che arrivano addirittura a balzare dai grattacieli su elicotteri in volo e capaci di emettere ululati talmente potenti da riuscire ad infrangere i vetri (!!!), fornendo quegli assurdi, divertenti elementi che, appunto, caratterizzano i folli elaborati asylumiani.
Elaborati di cui questo werewolf movie – non privo, ovviamente, di trasformazioni low budget – risulta uno dei più movimentati e godibili, perché del tutto improntato sull’azione opportunamente colorata di splatter.
È Minerva pictures a renderlo disponibile su supporto dvd italiano.

Francesco Lomuscio