Home Cinema In dvd l’inedito “The pretty one” con una doppia Zoe Kazan

In dvd l’inedito “The pretty one” con una doppia Zoe Kazan

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:30
CONDIVIDI

the pretty oneLa Zoe Kazan vista, tra l’altro, ne “Il caso Thomas Crawford” (2007) ed “È complicato” (2009), incarna la giovane Laurel, da sempre esageratamente timida e che ha scelto di vivere in casa insieme al padre.
Ma è sempre lei a concedere anima e corpo anche ad Audrey, fascinosa sorella gemella in possesso della sicurezza e dello charme necessari per avere successo in città, la quale, però, perde la vita proprio in un incidente automobilistico in compagnia di Laurel.
Ed è da questo tragico evento che la californiana Jenée LaMarque sfodera l’dea originale su cui costruire “The pretty one” (2013), suo esordio registico; in quanto, scambiata per Audrey, Laurel decide impulsivamente di assumerne l’identità per sperimentare la vita da “bella e vincente”, cominciando ad adattarsi alla nuova vita da indipendente.
Quindi, man mano che viene a conoscenza di segreti a lei da sempre celati e che provvede a tenere nascosta la propria reale identità perfino ai genitori, si scopre anche capace di eccellere nel lavoro, di coltivare amicizie e, addirittura, di trovare l’amore.
Ma non aspettatevi l’ennesima “commedia leggera” a stelle e strisce, perché, con un cast comprendente il Jake Johnson di “Drinking buddies – Amici di bevuta” (2013), il Ron Livingston de “L’evocazione – The conjuring” (2013) e il John Carroll Lynch di “Shutter island” (2010), la oltre ora e mezza di visione, pur non risultando priva di ironia, provvede a mantenersi di continuo – e in maniera efficace – in bilico tra la commedia e il dramma; senza che nessuno dei due prevalga sull’altro e ponendo al proprio centro i legami familiari e la tanto discussa seconda chance.
Con un breve sguardo agli ottimi effetti visivi quale contenuto speciale, è Sony pictures Home Entertainment a renderlo disponibile in dvd all’interno della collana economica HomeCinema, interamente costituita da inediti cinematografici di qualità.

Francesco Lomuscio