Home News IMMAginario Web Fest 2013: vince “The Ushers – A dark tale...

IMMAginario Web Fest 2013: vince “The Ushers – A dark tale of a bright night”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:30

Chiara De Caroli e Andrea Galatà premiati dal Direttore Artistico per la Miglior Webseries IMMaginario Web Fest 2013 - foto courtesy of Renata Di Vito-Visionaryweb.itCon la premiazione di “The Ushers – A dark tale of a bright night” come Miglior Webseries, si conclude l’edizione 2013 del’IMMaginario Web Fest, la sezione di Festival IMMaginario dedicata all’innovazione e alla creatività su internet,  che quest’anno ha ospitato oltre trecento creativi e più di cento fra webseries e webdoc.
La giuria d’eccellenza, composta da Alessandro Riccini Ricci, direttore artistico del festival, Alessandra Roncato di RepubblicaXL e Simone Arcagni di Nova24 ha scelto inoltre di assegnare al progetto, già selezionato per il premio del pubblico di RepubblicaXL, anche il premio Miglior architettura interattiva e sistema social.
Scritto da Chiara De Caroli e Andrea Galatà e girato in quattro diversi continenti, con location in Inghilterra, Giappone, Olanda, Germania, Italia, Spagna, USA e Zambia, per la regia internazionale di Andrea Galatà, “The Ushers” è un fantasy-thriller, un progetto che attraverso un metodo sperimentale di regia “a distanza” realizza nuove strutture di creatività circolare, con lo scopo di coniugare le differenti istanze artistiche e i differenti background culturali di riferimento di ognuna delle troupe sparse nei vari Paesi. Impreziosito dalla presenza di artisti del panorama italiano e internazionale quali Masaya Matsui, Jun Ichikawan, Gerry Shanahan, Lina Bernardi, per citarne solo alcuni, “The Ushers” è, secondo le parole dei due autori, un vero e proprio atto “politico” di lavoro di squadra inclusivo che mostra il potenziale positivo della globalizzazione della creatività e l’interscambio di saperi, esperienze e culture che l’era della comunicazione senza frontiere e della produzione artistica tramite il web consente di realizzare.