Home News I Classicissimi, “Fuga per la vittoria” di John Houston

I Classicissimi, “Fuga per la vittoria” di John Houston

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:16
CONDIVIDI

Il Comandante di un campo di concentramento in Germania, il Maggiore Von Steiner, riconosce in un suo prigioniero un ex calciatore, John Colby,  e spinto dalla passione per il calcio, in quanto anche lui ex praticante, invita il recluso ufficiale britannico ad organizzare una partita tra prigionieri alleati e una selezione militare tedesca. L’organizzazione dell’incontro non risulta facile e a fatica il detenuto riesce a convincere i compagni. Ma nel frattempo la conduzione dell’evento passa nelle mani del comando  tedesco (destituendo di fatto il Maggiore)  facendolo trasformare in un veicolo di propaganda al fine di mostrare la propria superiorità sugli alleati, condizionando l’opinione pubblica! Il grave errore è quello però di organizzare la partita nella Parigi occupata dai nazisti dove lo stadio è  gremito dal popolo francese che parteggia per gli alleati,  e gli unici tedeschi ad essere presenti sono dei militari. I calciatori, capitanati dal portiere canadese Hatch, inerpretato da Silvester Stallone, prendono spunto dall’incontro sportivo per pianificare la fuga tra il 1° e il 2° tempo del match, grazie all’apporto di alcuni partigiani che conoscono bene il luogo ed hanno la possibilità di organizzare il piano nei minimi dettagli.Tra i protagonisti della partita non possiamo non citare Edson Arantes do Nascimiento, ovvero Pelè, considerato tutt’oggi uno dei calciatori più forti di tutti i tempi. Due sono le domande che si pone lo spettatore: 1) chi vincerà la partita? 2) gli alleati riusciranno a fuggire? Noi ne poniamo una terza: prevarrà la superiorità politico militare tedesca, o lo spirito di rivalsa e la voglia di libertà del resto del mondo? Vi invitiamo a vedere questo film, che sotto la regia sapiente di John Houston la passione sportiva si mescola con la forza delle immagini che solo il cinema sa conferire, e grazie alla presenza nel cast di calciatori veri  viene messa in risalto la purezza del gesto tecnico (come in occasione della sforbiciata di Pelè) accompagnato da una ferocia  e una combattività che è propria di ogni individuo, e che nei momenti di difficoltà bisogna saper tirar fuori!

 

Diego Pedullà