Home Senza categoria Cinema d’autore, in dvd: ‘Terza Liceo’ di Luciano Emmer

Cinema d’autore, in dvd: ‘Terza Liceo’ di Luciano Emmer

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:00
CONDIVIDI

CINEMA D’AUTORE IN DVD TERZA LICEO –
Nazione:
Italia
Regia: Luciano Emmer
Soggetto: Giulio Moreno
Sceneggiatura: Sergio Amidei; Carlo Bernari; Vasco Pratolini; Luciano Emmer
Musica: Carlo Innocenzi
Cast: Giulia Rubini; Ilaria Occhini; Anna Maria Sandri; Ugo Amaldi; Ferdinando Cappabianca; Franco Santori; Turi Pandolfini; Bartolomeo Rossetti; Giuliano Montaldo; Paolo Borboni; Antonio Battistella; Eriprando Visconti; Marcella Rovena; Carlo Bernari; Valeria Moriconi; Christine Carère; Giovanna Turi; Rita Livesi; Tullio Bulgarelli
Durata:
105’

 

Valutazione   * * * / * * * *

 

Trama
L’ultimo anno di un liceo classico a Roma; tra amori, inganni, professori e alunni. Uno spaccato della “società” giovane del tempo.

 

Recensione
Luciano Emmer dipinge alla perfezione la classe liceale del tempo, dal primo giorno di scuola al fatidico giorno degli esami; in mezzo, amori, litigi e uscite, diverse da noi ma comunque alla nostra portata. Il viaggio scava le psicologie dei personaggi e si rivolge con occhio acuto soprattutto al lato sentimentale delle cose: il rapporto con la matrigna dopo che la madre è appena morta; l’amore tra il povero e la ricca e tra la maturanda e il laureato. Attraverso questo un atteggiamento del regista distante, col suo tocco umile ma comunque giudice delle sorti come a voler dimostrare che chi è figlio di buoni valori può andare bene nella vita, ed essere promosso, chi è figlio di cattive precisazioni e false leggi morali si scontrerà con la dura realtà.
Nel 2000 lo stesso regista ne girerà una sorta di remake con Basta! Ne faccio un film; e negli anni ottanta un famoso serial tv ne comicizzerà le gesta, I ragazzi della terza C, dedicandogli anche omaggio tramite il simpatico personaggio di Bruno Sacchi.
Una pellicola leggera ma allo stesso tempo riflessiva e colta che coglie senza troppi mezzi termini i problemi e gli assilli dei giovani. Notte prima degli esami non è che un lontano parente.