Home Senza categoria Stanno tutti bene (2010), De Niro nel remake del film di Tornatore...

Stanno tutti bene (2010), De Niro nel remake del film di Tornatore con Mastroianni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:11
CONDIVIDI

'Stanno tutti bene' con Robert De Niro

STANNO TUTTI BENE AL CINEMA –

Cast & Credits:
Titolo Originale
: Everybody’s fine
Paese: Stati Uniti d’America
Regia: Kirk Jones
Sceneggiatura: Kirk Jones
Casa di distribuzione: Medusa Italia
Anno: 2010
Durata: 99′

Trama: Frank Goode ha passato la sua vita a lavorare, per garantire un buon futuro ai suoi figli. Ora che è in pensione, ed è diventato vedovo, le sue giornate sono piene di monotonia. Frank decide allora di organizzare un pranzo, dove invita tutti i suoi figli. Nessuno però partecipa, rimandando l’appuntamento all’ultimo momento. Frank parte, contro il consiglio del suo medico, per andare a trovare i figli sparsi in tutti gli Stati Uniti.

Recensione: Remake del film omonimo di Giuseppe Tornatore, con Marcello Mastroianni, Everybody’s fine non è un modo per fare un film di cassetta. Dietro la presa Kirk Jones cerca di trasmutare l’Italia della fine degli anni ’90 con l’America dei giorni d’oggi. Due crisi lontane, ma molto vicine che ci aiutano a riflettere sul valore della famiglia. Da entrambi i lati due attori che fanno girare il film attorno a loro. Marcello Mastroianni ha segnato la storia del cinema italiano, Robert De Niro quella di quello americano. Il secondo non è mai banale, anzi ha il potere di reinventarsi in ruoli che non gli assomigliano. Dal temerario Travis Bickle, di Taxi Driver, al povero papà dimenticato ad tutti in questo film. Robert ha il potere proprio di essere uomo, è lì che ha compiuto il suo definitivo salto di qualità. Attorno gli girano attori dimenticati dalla Hollywood bene: Drew Barrymore, Kate Beckinsale, Sam Rockwell. Il film di Tornatore era l’Italia, lo sgranato e il sapore mediterraneo. Quello di Jones è l’america, l’ordine, la pulizia e il disastro di Hollywood.
Un remake intelligente per prendere spunto da un bel film e farci sopra una riflessione divergente.

Matteo Fantozzi