Home Senza categoria Maledetto il giorno che t’ho incontrato (1991), di Carlo Verdone – in...

Maledetto il giorno che t’ho incontrato (1991), di Carlo Verdone – in Dvd

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:37
CONDIVIDI

Maledetto il giorno che t'ho incontrato - di Carlo Verdone

MALEDETTO IL GIORNO CHE T’HO INCONTRATO IN DVD –

Nazione: Italia
Regia:
Carlo Verdone
Soggetto:
Carlo Verdone; Francesca Marciano
Sceneggiatura: Carlo Verdone; Francesca Marciano
Cast: Carlo Verdone; Margherita Buy; Elisabetta Pozzi; Giancarlo Dettori; Stefania Casini; Renato Pareti; Dario Casalini; Alexis Meneloff; Didi Perego
Musica: Fabio Liberatori

Durata: 112’

Valutazione: * * ½


Trama

Bernardo, un instancabile ipocondriaco, viene lasciato dalla donna che ama da anni, Adriana, che fugge con un francese. Decide di andare in analisi per superare i suoi problemi ma lì conosce Camilla…

Recensione

A chi non è mai capitato di dire a una donna “Maledetto il giorno che ti ho incontrato” alzi la mano, lo stesso vale se invertiamo lo stesso. Ma è proprio alla persona con cui si ha questo scambio di vita che poi ci si passa la vita.
Il film vuole proprio spiegare questo, con un misto di gag e divertenti siparietti Carlo Verdone e Margherita Buy sono semplicemente uno lo specchio dell’altro. Si aiutano a reggersi in piedi nelle difficili situazioni che crea la vita e che spesso ci creiamo da soli. Senza eccedere mai nel farsesco, si rimane ancorati completamente alla realtà in un gioco che ci approssima al dato di fatto.
Carlo Verdone in alcuni toni è minore forse solo perché eravamo abituati a vederlo sempre nei suoi ruoli più classici ma è forse con questa pellicola che nasce il Verdone dottore di se stesso che accompagnerà tutta la sua filmografia. La Buy è semplicemente bellissima, nel suo viso di giovane ragazza che si appresta a vivere la vita ci da la forza della donna e la fragilità della fanciulla. Il risultato è un film godibile per le famiglie e per chi ha il piacere di vivere quasi due ore capendo che l’amore alla fine esiste davvero.
Nelle informazioni più inutili che possiamo dare, piccolo cammeo per Richard Benson.

 

Matteo Fantozzi